13 Aprile 2020   •  I testi / In Evidenza

Il punto di non ritorno

Giuseppe De Lucia Lumeno

Per gentile concessione dell’autore, Giuseppe De Lucia Lumeno, pubblichiamo stralci del volume “In virus veritas”. Una riflessione economico finanziaria della crisi, delle storture del sistema europeo e delle possibili conseguenze.

********

Che ci saranno cambiamenti in conseguenza della crisi è certo. Non è pensabile tornare al mondo com’era prima della crisi. Ma gli interrogativi sono: quanto saranno profondi e sostanziali questi cambiamenti? Andranno nella giusta direzione? Abbiamo perso il senso di urgenza e quanto è successo finora non promette bene il futuro.

(Joseph stiglitz, Bancarotta, p. 424)

 

Hic rhodus, hic salta! Prima o poi dovevamo arrivare a questo punto di non ritorno. La costruzione tecnocratica dell’Europa e dell’euro doveva arrivare ad uno snodo cruciale della sua breve storia che inizia il 1° gennaio del 2002. Troviamo questo detto illuminante, in Esopo, in cui un atleta “sbruffone” afferma di avere fatto un salto favoloso da un piede all’altro del celebre Colosso di Rodi, impresa atletica sulla quale afferma di poter esibire testimoni; al che, uno dei suoi interlocutori lo smaschera dicendogli che non è necessario chiedere ai testimoni, basta che ripeta il salto là dove si trova.

Hegel parafrasò il detto in “Hier ist die Rose, Hier tanze” (“Qui c’è la rosa, danza qui”), mentre il passaggio da saltus a salta, rispetto alla versione originale, è opera di Karl Marx che, nel primo capitolo de Il Diciotto Brumaio di Luigi Bonaparte, citando la parafrasi di Hegel, mutò il sostantivo della frase originale in un verbo: «Hic Rhodus, hic salta! Hier ist die Rose, hier tanze!»

È questa la “danza” che si trova a vivere l’Europa e le sue istituzioni, in questo momento, e che ci troveremo da qui in avanti nelle prossime settimane e mesi. Una realtà generata da un evento completamente diverso e inatteso non di natura finanziaria o economica bensì a un contagio che in pochi giorni è passato da una condizione e fase epidemica a una vera e propria pandemia. Se la Banca centrale europea non viene in aiuto dei paesi periferici indeboliti dalla pandemia, la zona euro potrebbe crollare. Lo scorso febbraio, la Commissione europea ha lanciato un altro dei suoi periodici avvertimenti sul rapporto debito / PIL dell’Italia al 140%, dopo la Grecia, il secondo più alto dell’Eurozona. Per un paese che deve andare sui mercati per rifinanziare un quinto dei suoi obblighi ogni anno, questa ammonizione pubblica può essere risultata imbarazzante. Ma il rapido e terrificante progresso del COVID-19 attraverso le città storiche dell’Italia settentrionale ha portato nuove pressioni molto più letali. Mentre le quarantene di emergenza spengono le luci nelle piazze e nelle fabbriche di una città dopo l’altra nel cuore industriale italiano, l’economia si è fermata e gli introiti fiscali sono precipitati.

Il governo italiano deve ora affrontare sconcertanti sfide di bilancio. Un paese che soffre già sotto il peso dei debiti più vecchi ora deve accumulare ancora più responsabilità per mantenere in vita la sua gente e per impedire il collasso delle imprese.

Con i mercati in Europa e il resto del mondo in caduta libera, il debutto di Christine Lagarde, la nuova presidente della Banca centrale europea (BCE), non è stato dei migliori quando ha cercato di riassumere ciò che il consiglio di amministrazione della banca aveva appena deciso di fare. Gli investitori ansiosi non vedevano l’ora di essere rassicurati nello stile della famosa promessa “whatever it takes” di Mario Draghi che aveva calmato i turbolenti mercati nel 2012, quando l’Eurozona sembrava stesse andando in pezzi.

La Lagarde ha delineato una serie di misure per facilitare la “liquidità” e incoraggiare le banche a prestare. Ma poi ha aggiunto un’osservazione che ha fatto eco in tutto il mondo, dichiarando che la BCE “non è qui per chiudere gli spread”. Tutti ne hanno compreso l’implicazione: l’Italia e forse altri paesi della zona euro che affrontano sfide di bilancio altrettanto gravi lungo la strada, hanno dovuto fare attenzione. Non potevano contare sulla BCE per contenere i costi di finanziamento.

Lo shock è stato globale e profondo: i titoli dell’Eurozona sono precipitati di nuovo, mentre i tassi sul debito italiano sono aumentati vertiginosamente, in quello che alcuni hanno pubblicizzato come il più grande rialzo di un giorno nella storia del paese. La prospettiva che i prezzi delle obbligazioni (e quindi i tassi di interesse) di diversi paesi dell’Eurozona potessero divergere selvaggiamente, presagendo una rottura della stessa zona, è diventato improvvisamente di nuovo reale.

La reazione in Italia in questo caso è stata immediata, con alcuni economisti che hanno identificato la nuova politica come un crimine o un atto di guerra. Altrove, i resoconti della stampa sulla performance della Lagarde sono stati più cauti, tuttavia, numerosi analisti hanno faticato a spiegarlo, di solito hanno sostenuto che doveva essersi trattato di una specie di gaffe. Il capo della banca centrale spagnola, si è fatto avanti per offrire alcune rassicurazioni, mentre la stessa Lagarde ha dovuto, infine, ribadire che anche lei è impegnata per la stabilità, anche se non era incline a precisare cosa significasse. Presto però è diventato ovvio che parlare di un errore era fuorviante. In un’intervista con la Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ), il capo della Bundesbank, Jens Weidmann, ha difeso con forza le azioni della BCE: “Abbiamo fatto ciò che una banca centrale in una crisi dovrebbe fare prima di tutto: abbiamo fornito una generosa offerta di liquidità alle banche “. Alla domanda di un follow-up dell’intervistatore, Weidmann ha focalizzato la sua risposta sulla Germania: “Le banche tedesche hanno aumentato il loro capitale e sono ben fornite di liquidità”. Quindi ha cambiato argomento, aggiungendo che “proprio a causa della disciplina di bilancio degli ultimi anni la Germania ha un ampio margine di manovra nel quadro delle norme europee e nazionali esistenti”.

Nel giro di un giorno, ciò che il governo tedesco poteva fare con tale margine di manovra è diventato chiaro. Il ministro delle finanze Olaf Scholz e il ministro dell’economia Peter Altmeier sono apparsi insieme per annunciare misure che hanno superato quelle di Draghi, ma solo per la Germania. Scholz ha invocato in particolare il commento del segretario al Tesoro degli Stati UnitiHank Paulson durante la crisi finanziaria del 2008 che era tempo di sparare un grande “bazooka”. La coppia ha annunciato che il governo tedesco avrebbe messo a disposizione un credito “illimitato” per gestire le imprese tedesche attraverso l’epidemia. Altmeier ha aggiunto in seguito che lo stato potrebbe persino assumere posizioni nelle aziende se ciò fosse necessario. Lo stato tedesco, cioè, garantiva non solo le banche, ma le controparti delle banche.

Nella zona euro, la situazione è ora insostenibile. La commissione europea sta consentendo ai singoli paesi di violare temporaneamente i vincoli dell’Eurozona sui deficit di bilancio per favorire un’espansione fiscale di emergenza. I supervisori delle banche europee e i ministri delle finanze stanno anche esprimendo la loro volontà di essere cauti nell’approccio verso le singole banche poiché i loro debitori restano indietro nei pagamenti. Ma tali misure non risolvono il problema di base dei paesi più deboli della Germania le cui economie vengono decimate dal COVID-19.

Come hanno raccontato molti economisti, la lunga crisi dell’Euro ha creato profondi schemi di dipendenza centro-periferia in Europa. Fondamentalmente la Germania e pochi altri paesi del nord formano il nucleo, e tutti gli altri, specialmente nel sud, costituiscono la periferia. La Germania ignora sistematicamente le raccomandazioni proforma di funzionari della zona euro e analisti esterni per frenare il suo avanzo delle partite correnti espandendo la spesa interna tedesca. Ciò stimolerebbe le importazioni dai suoi partner e consentirebbe alla propria popolazione di vivere meglio. Invece la Germania continua ad accumulare enormi eccedenze commerciali, lasciando molti dei suoi partner commerciali con debiti ancora più elevati. Con la loro crescita economica rallentata, i capitali e i lavoratori più giovani nella periferia fuggono verso i paesi più ricchi, lasciando dietro di sé economie la cui produttività è troppo debole per saldare i propri debiti con le banche nazionali e straniere. Quando consideriamo le restrizioni sui deficit di bilancio e sulla spesa pubblica che prescrivono le regole macroeconomiche dell’Eurozona, il risultato è profondo, persistente austerità che paralizza la speranza di un’azione statale nei paesi del sud Europa per stimolare la crescita e un circolo vizioso di tagli demoralizzanti nella spesa sociale e nei servizi, compresa l’istruzione e la salute pubblica, che colpiscono anche alcuni paesi del nord.

La frase della Lagarde, sia pur successivamente riveduta e corretta, con la quale la BCE rifiuta di impegnarsi a stabilizzare gli spread all’interno dell’Eurozona significa che altri paesi più deboli non possono adottare misure come la Germania per stabilizzare le loro economie e salvare la popolazione. Come ha mostrato la reazione all’annuncio di Lagarde, i tassi di prestito nei paesi periferici sono decollati immediatamente.

A questo punto, grazie anche alla bizzarra costruzione monetaria dell’Eurozona, iniziano a funzionare tutti e tre i circuiti di un destino perverso. In primo luogo, man mano che i paesi più deboli si indebitano sempre più, aumentano i loro costi di prestito. Ciò richiede loro di pagare di più per la stessa quantità di capitale e abbassa i loro rating del credito, aumentando i loro problemi di rifinanziamento.

Ma come ha lucidamente spiegato Athanasios Orphanides, ex governatore della banca centrale di Cipro, la BCE segue anche una regola perversa per l’acquisto di obbligazioni che nelle emergenze può diventare mortale. Nel 2005, quando Francia, Germania e altri paesi hanno ignorato in modo puntuale le restrizioni fiscali sancite dal Patto di stabilità e crescita originario, la BCE ha risposto incorporando le valutazioni delle agenzie di rating del credito privato nelle proprie decisioni su quale tipo di garanzia avrebbe accettato in cambio dai singoli paesi per l’estensione del sostegno nei loro confronti. È piuttosto scioccante: un’agenzia sovranazionale che lascia a privati il compito di definire la propria azione è l’opposto della stabilizzazione. Definisce virtualmente l’Eurozona come un’unione di banchieri e lascia i rating del credito privato oscillare avanti e indietro su paesi come la spada di Damocle. Quando le agenzie di rating private segnalano il pollice in giù, la BCE dovrebbe ridurre o eliminare del tutto il suo sostegno ai singoli paesi. Ciò ha un forte effetto prociclico: la paura stessa diventa una forza mortale che può e ha portato gli investitori privati a scaricare obbligazioni di paesi deboli anche se le loro posizioni sembrano sostenibili nel lungo periodo.

Ma c’è di più: il terzo ciclo del destino. In tempi di pressione, le banche private all’interno di qualsiasi paese devono fare affidamento principalmente sulle loro banche centrali per il supporto. La forza di una banca centrale dipende, in ultima analisi, dalla forza del paese che la gestisce.

Come illustrato chiaramente dal caso greco, se la BCE non intrattiene rapporti commerciali con la banca centrale di un paese, l’intero sistema bancario di quel paese dovrà affrontare il collasso. Come uno di noi ha dimostrato in det- taglio, le autorità bancarie europee e nazionali hanno fatto ben poco per ripulire le loro banche, tra cui, notoriamente, i due giganti tedeschi, Deutsche Bank e Commerzbank. Weidmann nella sua intervista alla FAZ non dice il vero sulla forza delle banche tedesche, ma la Germania può, se deve, probabilmente fare il punto sui due giganti con un piccolo aiuto da parte delle autorità di vigilanza bancaria dell’UE. L’Italia non è nella stessa situazione. Ha molte banche deboli e il costo per risolvere la loro insolvenza ora minaccia di nuovo lo Stato stesso.

Negli Stati Uniti, nonostante il caos che ha segnato la gestione della pandemia da parte dell’amministrazione Trump, ciò che accadrà in relazione ai singoli stati problematici è ancora abbastanza ovvio. Anche se il disprezzo del presi- dente per l’apparato statale americano continua a creare problemi, ogni stato sarà in grado di attingere alle risorse dell’intero paese. Finalmente il governo federale, la Federal Reserve e altri regolatori possono lavorare insieme. Verrà erogato un importo considerevole di aiuti senza alcun vincolo e gli Stati non saranno tenuti a rimborsare la maggior parte dei fondi di emergenza. È probabile che gli impulsi di stati meglio attrezzati a svilupparsi a spese di Stati più deboli siano tenuti sotto controllo. La sfida, in altre parole, è quella di trattare la situazione come un caso speciale di catastrofica assicurazione sociale.

Il contrasto con l’Eurozona è preoccupante e non solo a causa della legit- timità di alcuni leader tedeschi. Nelle ultime settimane sono emersi suggerimenti che indicano che qualcuno nell’UE potrebbe prendere in considerazione un vasto programma di salvataggio per l’Italia, forse il più grande della storia mondiale. Tali programmi sono stati generalmente condizionati da accordi per la supervisione draconiana e la “condizionalità” da parte di osservatori europei e di altri organismi internazionali, come il Fondo monetario internazionale.

È opinione diffusa che l’utilizzo di questi programmi sia scoraggiante. Quindi è auspicabile che non si pensi di modellare il salvataggio dell’Italia o di altri paesi in questa crisi sulla triste esperienza della Grecia. Ma episodi precedenti in cui la BCE e altre autorità europee hanno usato la BCE per indebolire i paesi deboli e arricchire le banche nel nucleo sono ben documentati.

È chiaro che l’Europa è ora sull’orlo della ripetizione delle terribili politiche del 1931 che hanno congelato i mercati finanziari dell’Europa e spinto il mondo in una nuova e terribile gamba discendente della Grande Depressione. L’evento precipitante di quella crisi e il disastroso “Standstill Agreement” del 1931 che ne derivò, come dimostrarono Ferguson e Temin, non fu il fallimento del Creditanstalt austriaco, fu la politica interna tedesca.

La Germania oggi è molto diversa da quella del regime di Weimar nella fase avanzata. I gruppi di destra stanno per lo più all’esterno a guardare dentro e non sono in alcun modo paragonabili a quelli che hanno causato tali problemi negli anni Venti. Oggi anche le grandi imprese tedesche sono fortemente impe- gnate in una strategia internazionalista, sebbene i recenti discorsi sulla necessità di allungare la giornata lavorativa e l’obsolescenza delle partnership sociali da parte di alcuni leader aziendali sia inquietante.

Ma la precedente austerità che ora consente alla Germania di spendere – e implicitamente a nessun altro – è una sciocchezza economica. Un disastro delle dimensioni che l’Italia e (probabilmente) altri paesi europei affrontano ora richiede una spesa massiccia per sostenere la vita e la salute della popolazione e gli sforzi per ristrutturare le forniture in modi che ricordano le economie di guerra. I paesi periferici hanno poche speranze di rimborsare prestiti delle dimensioni richieste quando le loro economie riescono a malapena a funzionare. Sostenere che il problema principale della BCE è preservare la liquidità nel sistema bancario è errato. La prima priorità è impedire che una crisi del debito si trasformi in un disastro macroeconomico.

Alcuni resoconti di notizie riportano che Lagarde si è scusata con i membri del consiglio di amministrazione della BCE per i suoi precedenti commenti.

Ma queste storie non dicono nulla sugli altri membri del consiglio che hanno difeso pubblicamente queste opinioni e che rappresentano paesi molto potenti. In questa situazione, le discussioni private e le affermazioni pubbliche sulla liquidità non sono abbastanza buone. La BCE deve fare tutto il necessario per sostenere gli sforzi dell’Italia e di altri paesi per sostenersi affinché l’Europa attraversi questa crisi. Altrettanto importante, deve dirlo ad alta voce e chiaramente, in modo che i funzionari dei paesi periferici possano agire.

La BCE non dovrebbe consentire ai paesi più fortunati di predicare l’au- sterità o aiutare le loro banche e società a divorare attività nel sud a prezzi strac- ciati. I paesi più ricchi d’Europa – soprattutto la Germania – devono emulare lo spirito del Piano Marshall degli Stati Uniti di cui hanno beneficiato così tanto. Gli aiuti che forniscono non devono approfondire la dipendenza dal debito dei paesi del sud; i paesi della zona euro dovrebbero invece agire insieme e contribuire in base alla loro capacità di pagamento. Possiamo immaginare una varietà di modi in cui ciò può essere fatto, ma gli sforzi per portare l’Italia in un programma di condizionalità in stile greco quasi sicuramente falliranno. Unificheranno il paese e porteranno al potere le forze politiche antieuropee, proprio come il disastro del 1931 in Germania.

La speranza è che anche gli Stati Uniti agiranno maggiormente nello spirito di Marshall e non in quello di “America First”. Ampliando le attività della Federal Reserve come prestatore mondiale di ultima istanza, in particolare la fornitura di dollari ad altre banche centrali attraverso linee di scambio con la BCE e altre banche centrali. Ampliando anche gli sforzi delle banche americane per rafforzare le loro posizioni all’interno dell’Eurozona. Non sarebbe una sorpresa se da qualche parte lungo la strada, le linee di swap tra le banche centrali diventassero un fattore nelle decisioni delle autorità di regolamentazione delle banche europee sul fatto che le banche statunitensi possano condurre salvataggi di istituzioni finanziarie europee in difficoltà.

L’uso delle linee di swap richiede molte più discussioni. Il loro uso corretto ora sarebbe incoraggiare la BCE a fare ciò che è effettivamente meglio per l’Europa nel suo insieme e non escludere i paesi in gravi difficoltà. Ed è giunto il momento che invece di parlare dei mali del governo e dei benefici del laissez-faire, i cittadini sia in Europa che negli Stati Uniti si rendano conto che sono urgentemente necessari nuovi meccanismi di governo per il sistema finanziario: i contribuenti e i cittadini ordinari sono sempre i soci silenziosi delle grandi banche e delle banche centrali. L’assistenza sanitaria per tutti non esiste negli Stati Uniti, ma un’assicurazione esiste sicuramente per le banche, per gentile concessione dei suoi cittadini che raramente vedono alcun vantaggio, ma che è pronto in qualsiasi momento per intervenire ed assorbire le perdite in un sistema finanziario che ora è così squilibrato che può funzionare solo attraverso garanzie pubbliche nascoste.

Il pensiero espresso da Mario Draghi sul Financial Times si pone già autorevolmente come traccia chiara per l’azione immediata da porre in essere. Ricorda il Keynes di “How to pay for the war?” e l’articolo di Evsej Domar del 1944 sull’ “American Economic Review”, che fugava le preoccupazioni sulla crescita del debito pubblico americano dovuta alla seconda guerra mondiale (the ‘burden of the dept’ and the national income, “american economic review”, 1944, 34, 4).

Come ha ricordato Draghi è importante agire con sufficiente forza e ve- locità per evitare che la recessione si trasformi in una depressione prolungata e che tutto ciò comporterà inevitabilmente un aumento significativo del debito pubblico. La perdita di reddito sostenuta dal settore privato – e qualsiasi debito accumulato per colmare il divario – deve alla fine essere assorbita, in tutto o in parte, dai bilanci pubblici. Alla fine i livelli di debito pubblico molto più elevati diventeranno una caratteristica permanente delle nostre economie e saranno accompagnati dalla cancellazione del debito privato. È il ruolo corretto dello stato distribuire il proprio bilancio per proteggere i cittadini e l’economia dagli shock di cui il settore privato non è responsabile e che non è in grado di assorbire.

In questo contesto le banche devono prestare rapidamente fondi a costo zero alle società disposte a salvare posti di lavoro grazie al capitale fornito dal governo sotto forma di garanzie statali su tutti gli ulteriori scoperti o prestiti. Né la regolamentazione né le regole di garanzia dovrebbero ostacolare la creazione di tutto lo spazio necessario nei bilanci bancari a tale scopo. Inoltre, il costo di queste garanzie non dovrebbe essere basato sul rischio di credito della società che le riceve, ma dovrebbe essere zero indipendentemente dal costo del finanziamento del governo che le emette.

Il monito di Draghi, in sostanza, è il seguente: “I livelli del debito pubblico saranno aumentati. Ma l’alternativa – una distruzione permanente della capacità produttiva e quindi della base fiscale – sarebbe molto più dannosa per l’economia e infine per il credito pubblico. Dobbiamo anche ricordare che, visti i livelli attuali e probabili futuri dei tassi di interesse, un tale aumento del debito pubblico non aumenterà i suoi costi di servizio. Di fronte a circostanze impreviste, un cambiamento di mentalità è necessario in questa crisi come lo sarebbe in tempi di guerra. Lo shock che stiamo affrontando non è ciclico. La perdita di reddito non è colpa di nessuno di coloro che ne soffrono. Il costo dell’esitazione può essere irreversibile. Il ricordo delle sofferenze degli europei negli anni ‘20 è abbastanza una storia di ammonimento”. Allora, cosa si può dire? Procediamo con ordine.

Quando una crisi (ed è il caso di quella che stiamo vivendo) separa l’economia dal resto della società, e questa si rinchiude nei suoi problemi interni, cosa diventa la vita sociale? Quest’ultima non solo è messa ai margini, è anche trasformata dalla crisi, non al punto di suscitare paure e rivolte contro le istituzioni. Queste reazioni emotive hanno, a più riprese, alimentato il successo di movimenti autoritari, populisti o nazionalisti.

Parallelamente, la crisi accelera la tendenza a lungo termine verso la separazione tra il sistema economico, ivi compresa la sua dimensione militare, e gli attori sociali che, colpiti dalla crisi, si trasformano in disoccupati, esclusi o risparmiatori impoveriti, tutti incapaci di reagire politicamente – il che spiega il silenzio attuale delle vittime della crisi – o si trasformano in attori sempre meno sociali e definiti principalmente in termini universali, morali e culturali.

Coscienti di tali questioni, bisogna interrogarsi sul modo in cui superare la crisi. Senza rifiutare le soluzioni tecniche proposte dagli economisti e i politici, bisogna introdurre qualche nuova idea. La cosa più importante è ricostruire la vita sociale, mettere fine al dominio dell’economia sulla società. Il che porta a ricorrere ad un principio, sempre più generale e universale, che può essere di nuovo denominato i “diritti dell’Uomo” (meglio definiti come “diritti umani”). Ciò comporta il dover creare nuove forme di organizzazione, di educazione, di governance, al fine di arrivare a una nuova redistribuzione del prodotto nazionale a vantaggio del lavoro, da tempo sacrificato al capitale, e di esigere un maggiore ed effettivo rispetto dalla dignità di tutti gli esseri umani.

Queste ipotesi offrono molteplici possibilità di cambiamento sociale. Ma escludono ogni ritorno al passato, al periodo precedente la crisi di questa pandemia globale, poiché richiudersi in questa illusione o ipotesi equivarrebbe a preparare una nuova crisi.

La mia analisi è diversa da quella dello storico e dell’economista, in quanto il primo, lo storico, cerca di comprendere gli attori, le loro scelte, e le loro rappresentazioni. Il suo oggetto di studio è dunque in larga parte costituito dai giudizi di valori, essi stessi da analizzare oggettivamente, di dando di ogni pregiudizio ideologico. Chi fa il suo lavoro cerca di scoprire le trasformazioni sociali e generali che possono osservarsi in tutti i campi, in primo luogo attraverso i dibattiti politici, ma anche negli scritti e nelle immagini che sono apparentemente estranee ai problemi economici immediati.

Il romanzo e il teatro, il cinema e altri materiali audiovisivi, le arti plastiche, la musica e le canzoni forniscono così indicazioni spesso molto chiare a chi si interroga su cambiamenti di portata generale.
Il sottoscritto ha sicuramente da apprendere dall’economista la natura e il senso degli eventi. Ma deve innanzitutto collegare l’analisi della crisi a una prospettiva di trasformazione a lungo termine della vita sociale.

L’idea principale qui proposta sostiene che, dopo la società industriale, e anche quella post-industriale, si vada formando una situazione post-sociale. Anche se questo mutamento e una crisi economica non hanno la stessa temporalità e lo stesso tipo di conseguenze, devono essere messi in correlazione l’uno con l’altra. Non è certo la crisi a generare un nuovo tipo di società, ma contribuisce a distruggere quella vecchia. La stessa crisi può anche impedire la formazione di un nuovo tipo di società o favorire l’intervento di attori autoritari durante un periodo di difficile transizione.

Questi sconvolgimenti, di breve e lungo termine, possono anche comportare la reale scomparsa degli attori. Aleggia così un silenzio sociale ineludibile, che può essere anche annuncio di un movimento violento dovuto a quanti hanno scoperto e stanno scoprendo della crisi. È questo il primo tipo di avvenire che può fungere da sbocco a questa crisi.
Ma nuovi attori, che non possono più essere sociali, e che sono piuttosto morali, possono anche imporsi sulla scena. Essi potrebbero opporre i diritti di tutti gli uomini all’azione di quelli che pensano solo ad accrescere i propri profitti. I conflitti tra attori sociali, per esempio tra attori “di classe”, sono sostituiti dalla contraddizione che si ha tra il sistema economico, soprattutto quando questo si riduce alla ricerca del massimo profitto possibile, e gli attori che fanno appello ai diritti umani e al rispetto della dignità della persona. Questo secondo avvenire è tanto auspicabile, quanto inquietante è il primo.

Ma l’Europa è già nuovamente investita dopo la crisi finanziaria del 2008 e quella dei debiti sovrani del 2011 da una crisi questa volta integrale senza precedenti che sta comportando e comporterà un crollo della crescita da economia di guerra. Al momento le istituzioni europee e la Bce, in particolare, possono proteggerci – si fa per dire – solo da una crisi inflazionistica, per il resto la loro impotenza e i loro limiti stanno venendo via via fuori.

Tuttavia, dobbiamo ritirarci e lasciare il terreno ai tecnocrati, perché questi sanno elaborare e valutare e applicare le politiche economiche? Questa modestia sarebbe eccessiva, poiché più la situazione economica intraprende percorsi conosciuti, meglio si distinguono i problemi di un ordine diverso dalla pre- visione economica.

Eccone due: in che modo la crisi ha colpito e continuerà a colpire l’evoluzione a lungo termine dei rapporti tra economia e vita sociale? e ancora: le nostre società sono minacciate di subire crisi a cascata o sono capaci di scoprire e costruire un nuovo tipo di vita sociale, quello che io chiamo, qui, la situazione post-pandemica, caratterizzata dalla separazione tra il sistema e gli attori? L’uno o l’altro di questi due futuri possibili sarà in ogni caso il nostro.