Le nostre radici europee

di Gaetano Quagliariello

Il Trattato di Lisbona e il rilancio dell’Unione

Settembre 2008, pp. 22

Per comprendere appieno da dove origina la crisi dell’ideologia europeista, e smentire i tanti commentatori che su questo terreno hanno inteso vaticinare l’avvento di un’insanabile frattura nella maggioranza di governo, occorre fare qualche passo indietro, e risalire fino alle radici di quell’europeismo italiano che lungi dall’avere una matrice unitaria, conobbe due fatti d’ispirazione profondamente diverse.

La prima fonte d’ispirazione fa capo ad Alcide De Gasperi e alla tradizione del popolarismo mitteleuropeo. Essa, di fronte alle tragedie che hanno marcato a fuoco il Novecento, scorgeva nella tradizione della civiltà europea il tessuto connettivo in grado di sanare le ferite che il secolo dei nazionalismi aveva inferto sul corpo del Vecchio Continente.

L’altro europeismo che nacque, grazie ad Altiero Spinelli, nelle solitudini di Ventotene. Immaginando l’Europa da quell’isola non solo si pensava ad un recupero del passato, tantomeno alla forza di una tradizione da resuscitare.

Indice

“Le nostre radici europee”
Intervento per dichiarazione di voto in Assemblea del Senato, 23 luglio 2008

Appendice

“Il declino dell’Europa nell’età contemporanea”


Donazioni

Effettua una donazione e riceverai il volume in omaggio.

Puoi effettuare una donazione con bonifico bancario a favore di:

Fondazione Magna Carta
Via Adda 87 – 00198 Roma
C.F. 97328120585
c/o BNL Ag. Senato

IBAN: IT42P0100503373000000008960

Oppure tramite carta di credito:

Informazioni Personali

Totale Donazione: €15,00

25 Settembre 2008   •