Religioni, verità, libertà

di S.E. il Cardinale Angelo Scola

Lectio magistralis tenuta alla Summer School 2008 della Fondazione Magna Carta

Per questo dobbiamo sentire come impellente l’esigenza di rielaborare e ridefinire categorie che ci permettano di pensare in maniera nuova la dimensione fondamentale del vivere insieme. Personalmente ritengo che categorie come reciprocità, tolleranza ed integrazione – marcatamente occidentali – si stiano rivelando non necessariamente sbagliate, ma insufficienti. Non tanto per i valori cui rimandano, quanto per quello che non riescono a pensare e a comunicare.

Prima di tutto occorre insistere sul fatto che l’inedita mescolanza di popoli che caratterizza le nostre società, imponendo come inevitabile l’incontro tra enti e religioni diverse, è innanzitutto un processo in atto, che io indico con l’espressione meticciato di civiltà e di culture. Non è quindi né una teoria sull’integrazione culturale né una categoria complessiva di comprensione della realtà. E’ un nome dato ad un processo. La categoria di meticciato di civiltà permette però di far riferimento ai cosiddetti “universali concreti” delle religioni. Ma se di universali concreti si tratta, vissuti quotidianamente da quei soggetti comunitari che sono i popoli, si comprende allora che la strada per l’incontro tra gli uomini non può essere altro che la testimonianza. A patto di dare a questa categoria tutta la sua forza fondativa e teoretica, lontani da riduzioni di stampo moralistico.

La scelta di riferirsi a degli universali concreti si precisa anche come tentativo di interpretazione culturale delle religioni. Anche le religioni, infatti, in ogni tempo, sono inevitabilmente assunte dai soggetti che le praticano dentro una interpretazione culturale. Nasce così un conflitto di interpretazioni. Vale per il Cristianesimo, vale per tutte le religioni. Per esempio, in Italia si incontrano e si scontrano in questa fase di “post secolarismo” due interpretazioni culturali del Cristianesimo.

La prima è quella di chi rischia di ridurlo ad una religione civile, che faccia da collante per tenere insieme la nostra affaticata democrazia.

L’altra è quella che io definisco “cripto-diaspora”. Molti sostengono che, proprio perché il Cristianesimo non è una religione civile, esso dovrebbe ridursi all’annuncio personale della Croce di Cristo, e di Colui che predicò il Regno e scelse la forma del povero, mentre per quanto riguarda la questione pratica dell’etica, dell’economia e della politica i cristiani debbono stare in diaspora senza nulla di proprio da proporre in comune.

Ma c’è anche una terza interpretazione, minoritaria, che io sostengo e cerco di perseguire, che sta sul crinale della montagna e tenta di evitare di cadere sia nella riduzione a religione civile, sia in quella della dimensione di cripto-diaspora, proponendo un’interpretazione integrale del fatto cristiano e mostrando tutte le implicazioni, antropologiche, sociali, cosmologiche dei misteri del Cristianesimo. E’ vero che per la visione cristiana del “pratico” sono comuni a tutti gli uomini, ma dalla sequela comunionale di Gesù Cristo scaturiscono, a livello di tutte le implicazioni richiamate, precise proposte, talora necessarie talora contingenti, per vivere il “pratico” (etica, economia e diritto) secondo verità e, quindi, in pienezza.

Indice

“La religione nella società in transizione”

“Riflettere sulla libertà religiosa e di coscienza”

“La libertà religiosa: il “caso serio” del rapporto verità-libertà”

“Testimonianza, proposte e dialogo”


Donazioni

Effettua una donazione e riceverai il volume in omaggio.

Puoi effettuare una donazione con bonifico bancario a favore di:

Fondazione Magna Carta
Via Adda 87 – 00198 Roma
C.F. 97328120585
c/o BNL Ag. Senato

IBAN: IT42P0100503373000000008960

Oppure tramite carta di credito:

Informazioni Personali

Totale Donazione: €15,00

07 Settembre 2008   •