Riformare la Giustizia non è reato

La riforma costituzionale della giustizia presentata dal ministro Alfano e approvata dal Consiglio dei Ministri il 10 marzo 2011 non nasce dal nulla e non è un reato. Non è un capriccio, né tantomeno è una punizione o una controriforma.

La riforma della giustizia, reclamata dalla grande maggioranza dei cittadini che ha dato e più volte confermato la sua fiducia al governo Berlusconi, e attesa da un Paese che dopo centocinquant’anni di unità aspetta finalmente di diventare una democrazia moderna, nasce da una consapevole riflessione sull’architettura del nostro ordinamento giudiziario. Dall’osservazione di come i principi e i meccanismi che regolano in astratto il funzionamento della giustizia italiana si siano progressivamente deformati nella pratica concreta e quotidiana. Dalla presa d’atto dello scollamento che vi è fra la teoria e la realtà, con un equilibrio apparente divenuto nei fatti squilibrio sistematico e quasi istituzionalizzato.

Soprattutto, nasce dalla convinzione che in un sistema-Paese che evolve verso la maturità sarebbe da irresponsabili lasciare indietro, ostaggio del partito della conservazione, uno dei pilastri sui quali si fonda la possibilità di una democrazia di definirsi “democrazia dei moderni”.

Vai alla pagina IBS per acquistare questa pubblicazione


Donazioni

Effettua una donazione e riceverai il volume in omaggio.

Puoi effettuare una donazione con bonifico bancario a favore di:

Fondazione Magna Carta
Via Adda 87 – 00198 Roma
C.F. 97328120585
c/o BNL Ag. Senato

IBAN: IT42P0100503373000000008960

Oppure tramite carta di credito:

Informazioni Personali

Totale Donazione: €15,00

10 Marzo 2011   •