Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Sperimentazione clinica in Italia tra criticità e prospettive

6 Novembre 2014 @ 16:00 - 18:00

Giovedì 6 novembre 2014 presso la Sala degli Atti Parlamentari del Senato della Repubblica (Piazza della Minerva, 38, Roma) il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e il Presidente della Fondazione Magna Carta Gaetano Quagliariello sono intervenuti alla tavola rotonda “Sperimentazione clinica in Italia: criticità e prospettive”.

Oltre al Ministro Lorenzin e al Senatore Quagliariello, sono intervenuti Luca Pani, Direttore generale AIFA, Walter Marrocco, Responsabile scientifico FIMMG, Giovanni Leonardi, Direttore generale della Ricerca e della Innovazione in Sanità, Francesco Rossi, Presidente Società Italiana di Farmacologia, Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria, Pierpaolo Vargiu, Presidente Commissione Affari Sociali presso la Camera dei deputati. Modera la tavola rotonda Andrea Pancani, Vicedirettore La7.

L’incontro è stato promosso dalla Fondazione Magna Carta in collaborazione con MSD Italia, azienda farmaceutica leader nella produzione di farmaci e distribuzione di medicinali.

A tal proposito, il Presidente di MSD Italia Pierluigi Antonelli, a cui è spettato il compito di introdurre i lavori di giovedì 6 novembre, ha dichiarato:

Velocità ed Omogeneità. Sono questi i due elementi chiave per rendere la sperimentazione clinica in Italia più efficiente e competitiva rispetto ad altri Paesi dell’Unione Europea.

La velocità – afferma Antonelli – è un fattore chiave per l’attrattività di un Paese e per le scelte allocative delle nostre case madri. Esistono soluzioni organizzative più o meno complesse (un unico Comitato Etico a livello nazionale o la scelta di un Comitato Etico referente), ma anche soluzioni pratiche facilmente percorribili: la possibilità di un dialogo aperto tra AIFA e lo Sponsor, l’incremento del numero di sedute dei vari Comitati Etici, l’accelerazione dei tempi di valutazione, come avviene, ad esempio, nel Regno Unito, l’eliminazione dei tempi persi tra la scadenza del mandato del vecchio Comitato Etico e l’attivazione del nuovo.

Omogenizzare – prosegue Antonelli – significa definire meglio le competenze tra soggetti diversi, in particolare AIFA e Comitato Etico coordinatore, evitando sovrapposizione di ruoli che possono anche portare a pareri discordanti. Significa, inoltre, eliminare il più possibile la documentazione centro-specifica richiesta agli Sponsor degli studi, attraverso l’individuazione di documenti standard validi per tutti i centri di sperimentazione del territorio nazionale.

La competizione, oggi – conclude Antonelli – non è più tra le diverse aziende farmaceutiche quanto, piuttosto, tra le varie filiali nazionali all’interno della stessa Azienda. Come Presidente italiano di un’Azienda multinazionale voglio impegnarmi a portare la sperimentazione clinica nel mio Paese, ma ho bisogno di condizioni strutturali favorenti che rendano l’Italia sempre più attrattiva agli occhi dei nostri Executives globali.

A questo appello ha risposto volentieri la Fondazione Magna Carta. Il Presidente Gaetano Quagliariello ha evidenziato quanto segue:

“Ci sono sfide, oggi che, insieme, determinano la crescita economica di un Paese e la possibilità di dare risposte a problemi inediti, propri di questo Terzo Millennio, dove fattori oggettivi impediscono che le persone possano ricevere dallo Stato le stesse sicurezze e garanzie del passato. Per vincere queste sfide non basta fare, e impegnarsi in tale direzione, ma è anche necessaria un’elaborazione dalla quale derivi una strategia all’ altezza della complessità dei problemi che abbiamo di fronte. E chi si occupa di cultura politica, come la Fondazione Magna Carta, non può certo tirarsi indietro”.

Programma evento 6 novembre 2014

 

Dettagli

Data:
6 Novembre 2014
Ora:
16:00 - 18:00
Categoria Evento:

Luogo

Sala degli Atti Parlamentari del Senato della Repubblica